La valle della Loira in bicicletta

Dal 3 al 14 agosto 1998

di Carlo Camarotto

Ruota bucata
Dolmen
Pornichet

Tappa numero 5, Dal 9 al 10 agosto 1998

Da Nantes a Pornichet
scozia_1

Domenica 9 agosto – L’Oceano

Abbiamo deciso di partire con uno dei primi treni della giornata, quindi sveglia presto e corsa rapida fino alla stazione. Rimaniamo tutti un po’ stupiti nel non trovare sul treno una carrozza adibita al trasporto delle biciclette. Da quello che capiamo, anche se il treno permette il trasporto delle bicicletta (come il nostro), le stesse devono essere smontate o lasciate tutt’al più in corridoio.

Arriviamo comunque a Nantes in poco più di un’ora senza particolari problemi, viste anche le poche persone sul treno. Di Nantes non abbiamo modo di vedere molto, anche perché l’intenzione è quella di raggiungere l’Oceano prima di sera. La meta pensata da Paui, ed accettata dal gruppo, è la piccola località balneare di Pornichet, a quasi ottanta chilomentri verso ovest.

Per uscire da Nantes seguiamo le indicazioni per Couëron, correndo sul lato destro della Loira che, dopo Nantes, comincia ad allargarsi in un ampio estuario. In realtà la strada che decidiamo di seguire si allontana dal fiume appena superato Couëron, puntando verso l’interno in direzione di Saint-Étienne-de-Montluc, permettendoci così di correre nuovamente tra verdi campi coltivati e non più tra grige strade di periferia o incolori zone industriali.

Pedaliamo di buona lena verso nord-ovest per oltre quaranta chilometri, fino a raggiungere il piccolo paese di Savenay, con le case dai tetti color ardesia le une appressate alle altre e la piazza centrale pavimentata con grigi blocchi di pietra. Il sole batte davvero forte e siamo tutti e quattro parecchio stanchi. Qui prima mangiamo, facendoci derubare da un bar a causa di bottiglie d’acqua dal prezzo stratosferico, poi ci riposiamo al riparo dal sole sui gradini che circondano la piazza. Il paese ci appare deserto, cosa che trasmette un’appena percettibile inquietudine.

Nonostante il caldo, ripartiamo verso le quattro del pomeriggio in direzione sud-ovest, ritornando quindi verso la Loira, che incontriamo nuovamente nei pressi di Donges. Da qui il paesaggio comincia a cambiare in modo quasi radicale. Aumentano le raffinerie e gli inceneritori ai lati della strada, aumenta il calore per la totale scomparsa del verde, peggiora la qualità dell’aria. Ci ritroviamo così a correre in un paesaggio degradato che ci infonde molta tristezza. È così che la pedalata, a dispetto della stanchezza, si fa sempre più veloce, in modo da raggiungere la meta il prima possibile. Raggiungiamo così rapidi la città portuale di Saint-Nazaire (circa venticinque chilometri da Savenay), sorta proprio sulla bocca dell’estuario della Loira. Un immenso ponte campeggia sopra il fiume e la città, con delle alte torri bianche e rosse che abbiamo iniziato ad intravedere da lontanissimo. La guida di Paui indica che in centro alla città dovrebbe esserci un sito archeologico celtico. Due pietre verticali sormontate orizzontalmente da un’altra sono davvero lì, nel bel mezzo delle case di oggi, da millenni. Ma forse siamo troppo stanchi per comprendere l’enormità di un tale fatto, o forse ci aspettavamo qualcosa di più grande. Un po’ di delusione per l’esiguità del reperto archeologico c’è.

Ripartiamo subito per Pornichet, a soli dieci chilometri da Saint-Nazaire, dove giungiamo che il sole sta tramontando. La voglia di vedere il mare è enorme e battiamo tutti i record di montaggio delle tende (record fissato in sette minuti) per correre poi veloci verso la spiaggia, a quell’ora deserta. La striscia di sabbia grigia è larga al massimo una trentina di metri, scossa perennemente dalle onde dell’oceano Atlantico che ci appare in tutta la sua imponenza.

Passiamo tutta la serata sulla spiaggia, seduti a chiacchierare, cullati dal suono cadenzato della risacca, pensando alle ragazze che abbiamo lasciato a casa. 

Lunedì 10 agosto – Pornichet

Le piazzole nel campeggio, che sorge a poche centinaia di metri dalla spiaggia, sono protette solo da qualche pino isolato, la cui ombra è del tutto insufficiente per difenderci dai raggi del sole. Mi sveglio bocheggiando per il calore che sale all’interno della tenda, accorgendomi così che la mattinata si è già fatta matura.

Ci dedichiamo alla prima giornata di mare con un certo lassismo, il normale approccio ad una vacanza balneare. Ma che questo modo di intendere una vacanza non sia il nostro lo capiamo dopo poche ore di noia tra i bagnanti chiassosi che frequentano la piccola spiaggia di Pornichet, un’autentica Jesolo francese. Da annottare in questa mattinata c’è solo la meraviglia di vedere al nostro arrivo alla spiaggia un paesaggio completamente differente da quello della sera precedente. L’oceano non è più vicino, ma lontanissimo, oltre cento metri dal luogo dove avevamo chiacchierato bagnati dai raggi della luna; non c’è più solo sabbia a trattenere le acque, ma scogli neri tappezzati di alghe verdi e di lucide cozze. Oltre dieci metri di variazione del livello del mare in seguito alla marea hanno stravolto tutto, facendoci credere di essere giunti in un nuovo punto della costa.

Poco dopo mezzogiorno siamo ormai stanchi di questa trappola turistica e decidiamo, dopo una rapida consultazione, di ripartire verso nuove e più interessanti mete. Poco a nord della costa si estende La Brière, una vasta area paludosa ricca di biodiversità animale e vegetale. Smontiamo velocemente le tende, resi impazienti dalla voglia di ammirarla.