Birdwatching parassita in Yucatàn e Chiapas

Dal 16 al 30 aprile 2006

di Paolo Adami

Mappa del viaggio

Presentazione, Mappa del percorso

Perché questo racconto? Perché descrivere le sensazioni e le osservazioni di chi ama la natura a tal punto da dedicare più tempo ad osservare la fauna invece che a prendere il sole nel seppur bellissimo mare caraibico o a lasciarsi coinvolgere dalla cultura maya? Il motivo della stesura di questo racconto è che prima della partenza ho dedicato del tempo a cercare (invano) un testo di questo tipo che mi introducesse alle specie di uccelli che avrei potuto vedere. Sì, certo, sono molte le fonti da cui trarre informazioni e immagini sugli uccelli del Messico però a me sarebbe bastata una infarinatura o alcune brevi indicazioni mentre in genere on-line ho trovato informazioni troppo specifiche.

Tengo a precisare che molte delle foto qui descritte sono state possibili grazie alla tendenza di alcuni uccelli a farsi avvicinare dall'uomo e grazie alla tendenza del sottoscritto a farsi avvicinare dagli uccelli.

Nota: "Birdwatching parassita" è da interpretare come "uccelli osservati mentre gli amici proseguono le loro visite aspettandoti spesso impazienti".

Black Cheecked Woodpecker
Montezuma Oropendola
Bat Falcon
Northern Beardless Tyrannulet (?)
Streaked Flycatcher
Social Flycatcher
Great-tailed Grackle
Green Jay
Red-Legged Honeycreeper, female
Orange Oriole
Ruby-Thorated Hummigbird female (?)
Turquoise Brewed Motmot
Solitary Eagle
Greater Flamingos, Pelicans, Cormorans
Ruddy Ground Dove
Yellow-Backed Oriole
Magnificent Frigatebird, female
Tropical Kingbird
Tropical Mockingbird
Brown Pelican
Greater Flamingos

Inizio del racconto

La lista degli uccelli qui di seguito riportata è frutto delle specie di uccelli osservati durante il viaggio, alcuni di questi fotografati, quando possibile ovviamente. Le foto con almeno la parvenza di essere considerate tali sono disponibili nella versione on-line del racconto. Alcuni uccelli osservati sono stati schizzati sul blocco notes a memoria, altri li ho impressi mentalmente e riconosciuti successivamente sul libro di riconoscimento.

Alla fine del racconto indico le due guide da campo utilizzate per il riconoscimento.

In breve, i luoghi di osservazione sono stati:

(vedi mappa on-line all’indirizzo http://www.garzabibbo.net/viaggi.php)



1. Tulum, rovine e spiaggia Playa Paradiso [Quintana Roo];
2. Chichén Itzà, rovine [Yucatàn];
3. Rio Lagartos [Yucatàn];
4. Misol Ha, cascate [Chiapas];
5. Palenque, El Panchàn e rovine [Chiapas];
6. Bonampak, rovine [Chiapas];
7. Rio Usumacinta a Yaxchilàn e a Frontera Corozàl [Chiapas];
8. Lacanja, selva lacandona [Chiapas].



1 - Tulum, rovine e spiaggia Playa Paradiso

A Tulum c’è un bel sito di rovine, particolarmente affascinante per il fatto che esse si affacciano sull’oceano. La visita delle rovine permette di passeggiare (fatelo durante le ore meno calde) anche lungo sentieri tra gli alberi. Qui ho potuto osservare Ruddy Ground Dove [foto], decisamente comune in questi luoghi oltre al Yellow-Backed Oriole [foto] e Orange Oriole [foto].

Altri avvistamenti: Golden-Olive Woodpecker, Tropical Kingbird [foto], Tropical Mockingbird [foto], Song Sparrow, Grey-Headed Tanager, Blue Bunting.



2 - Chichén Itzà, rovine

Abbiamo dedicato una intera giornata alla visita di Chichén Itzà il più famoso sito Maya della regione. Sebbene sia visitato da moltissimi turisti, questo è stato un luogo di osservazione piuttosto proficuo. In primis è stato osservato il bellissimo Turquoise Brewed Motmot [foto] che spesso è stato incrociato nei pressi della boscaglia che circonda El Caracol (Osservatorio). Mi ha dato molta soddisfazione riuscire ad avvicinarlo lentamente fino a non più di tre metri per fotografarlo ed infatti forse è l’esemplare meglio fotografato tra tutti quelli che presento.

Durante la visita del campo da gioco della Pelota sono stati osservati due diversi tipi di colibrì di cui sono riuscito a fotografarne uno [foto] al quale non sono riuscito a dare un nome preciso nonostante l’ausilio dell’immagine. Io penso sia una femmina di Ruby-Thorated Hummigbird, anche per il fatto che è uno dei colibrì più comuni dello Yucatàn. L’altro colibrì osservato assomigliava ad un grosso moscone arancione ed è stato successivamente identificato come Cinnamon Hummingbird.

Altri avvistamenti: Great-tailed Grackle [foto], Green Jay [foto], Orange Oriole [foto], Great Kiskadee, Streaked Flycatcher [foto], Social Flycatcher [foto].



3 - Rio Lagartos

Vale la pena fare una escursione in giornata a Rio Lagartos. Questa laguna è uno dei punti meno frequentati per l’osservazione dei fenicotteri rosa. All’arrivo al porticciolo sulla costa siamo stati subito identificati come "turisti in cerca di fenicotteri" e imbarcati quasi di peso su una lancia a motore per la modica somma di 75 US$. La laguna di Rio Lagartos è davvero verde-acqua. A seconda dei periodi i gruppi di fenicotteri sono più o meno numerosi: noi non siamo stati molto fortunati essendo il gruppo di Punta Garza, uno dei luoghi della laguna dove si raggruppano, piuttosto povero. Abbiamo contato circa una cinquantina di Greater Flamingos [foto], ma in altri periodi dell’anno, nella stagione umida, luglio e agosto, i fenicotteri sono migliaia.

Altri uccelli tipici di queste zone costiere avvistati sono stati Magnificent Frigatebird [foto], Brown Pelican [foto], Solitary Eagle [foto], Great Blue Heron, White Ibis, Little Blue Heron, Great Egret oltre ad innumerevoli sterne, gabbiani, cormorani, piro piro.



4 - Misol Ha, cascate

L’avvistamento più importante durante l’escursione alle cascate di Misol-Ha è stato senza dubbio la femmina di Red-Legged Honeycreeper [foto]. Questo uccello sulle prime assomiglia ad un colibrì, leggermente più grande il cui atteggiamento in volo ne ricorda lo sbattere frenetico delle ali.



5 - Palenque, El Panchàn e rovine

La visita alle rovine di Palenque ha permesso di osservare molti degli uccelli finora menzionati.

Tra quelli osservati per la prima volta c’è un esemplare di picchio, il Black Cheecked Woodpecker [foto] intento a procurare cibo per i piccoli che stavano nel nido poco distante. E’ stato avvistato nei pressi dell’entrata al sito archeologico di Palenque.

In cima al Tempio de la Cruz del Gruppo di edifici omonimo ha fatto il nido un Bat Falcon [foto] che periodicamente tornava al nido per portare cibo ai piccoli. Il nido è stato fatto in cima al tempio all’interno di un foro nella muratura. Il falchetto (la sua taglia è piccola) tornava al nido solo quando il numero dei turisti che salivano al tempio dalla scalinata principale non era elevato.

Inoltre, finalmente dopo tanta attesa, anche se non si può dire che sia stato osservato ma semplicemente avvistato, ecco il tucano, il Keel-Billed Tucan, visto sfrecciare nel mezzo della giungla. In effetti, sebbene non sia stato visto al binocolo, caratteristico del tucano (che tra l’altro nel mio immaginario disegnavo più grande di taglia) è che quando vola sembra sia preceduto da un altro uccello giallo incastonato sulla fronte. Sto parlando del becco…

Qui ho osservato anche Lineated Woodpecker, durante una passeggiata in jungla a El Panchàn.

Altri avvistamenti: Northern Beardless Tyrannulet [foto] di cui non sono per nulla sicuro dell’identificazione ma dovrebbe quantomeno essere un pigliamosche (flycatcher), vari colibrì tra cui uno ho rischiato di portarmelo in Italia per via del fatto che si stava impiantando nella mia fronte (ero immobile, mi ha evitato all’ultimo momento grazie ad una virata dell’ultimo istante… ha segnalato la mia presenza con un cinguettìo non riproducibile ma che nascondeva senz’altro un significato del tipo "porca putt… e tu da dove cavolo sei saltato fuori…??? non ti avevo visto ma sono abile e ti schivo lo stesso…").



6 - Bonampak, rovine

Sul grande albero sito di fronte all’Edificio 3 della Gran Plaza del sito di Bonampak erano presenti molti nidi penzolanti costruiti dal Montezuma Oropendola [foto]. Il via vai e i caratteristici versi di questi grossi uccelli è stata l’attrazione del sito archeologico per molti dei turisti.

Ai bordi dell’area antestante l’edificio principale ho potuto osservare Keel-Billed Motmot.



7 - Rio Usumacinta a Yaxchilàn e a Frontera Corozàl

Yaxchilàn è custode, probabilmente, dei più bei ricordi legati al viaggio in Yucatàn e Chiapas. Il sito si trova in un’ansa del Rio Usumacinta, grande fiume pluviale che segna il confine tra il Messico, a ovest, e il Guatemala, a est. Raggiungere Yaxchilàn è semplicemente splendido, vario, in qualche modo anche un po’ avventuroso. Lo consiglio vivamente a chi visiterà il Chiapas o il Guatemala. All’arrivo dopo i 40 minuti trascorsi sulla lancia a motore risalendo il fiume vi aspettano i rumori delle scimmie urlatrici, simili a dei ruggiti di felini. Il sito è bellissimo, completamente inglobato dalla jungla. Non perdete di visitare gli edifici 39, 40 e 41. Sono leggermente decentrati dal sito ma bellissimi. E’ lì che ho passato con i compagni di viaggio una buona mezz’ora a osservare le scimmie urlatrici, adulti e piccoli, mentre passavano di albero in albero con acrobazie notevoli.

Per quanto riguarda gli uccelli, lungo il fiume ho avvistato due tipi diversi di Martin pescatore, il Ringed Kingfisher (molto grande, fino a 40 cm) e il Green Kingfisher, più piccolo e spesso visto appollaiato a caccia su un ramo in riva all’Usumacinta. L’ondeggiare della lancia a motore mi ha impedito di fotografarlo nonostante fossi passato a non più di cinque metri.

Altri avvistamenti: Great Blue Heron, Little Blue Heron.



8 - Lacanja, selva lacandona

Abbiamo qui dormito una notte. L’alloggio era rappresentato da una bella camera in muratura e legno facente parte del campeggio di Lacanja, in piena selva lacandona.

Le osservazioni, qui fatte in maniera più "professionale" sono state fatte dal retro della capanna affacciato verso una ampia radura con banani, palme, e più in là l’inizio della foresta. La sveglia alle 5 mi ha permesso di osservare numerosi uccelli non ancora avvistati, ma impedendomi di fotografare per via della scarsità di luce. Questo momento di assoluto relax è durato per un paio di ore. Perciò ecco l’elenco:

Scarlet Macaw, Ringed Kingfisher, Keel-Billed Tucan, Red-Legged Honeycreeper maschio e femmina, Shining Honeycreeper maschio, Slate-Colored Solitarie, Blue-Grey Tanager, Grey-Headed Tanager, White-Winged Tanager maschio, Crimson-Collared Tanager, Scarlet-Rumped TanagerGray-Collared Becard maschio e femmina, Masked Tityra, Grassland-Yellow Finch, Rose Bellied Bunting (o Indigo Bunting, in quanto le femmine di questi due uccelli sono molto simili), vari tipi di scriccioli (Wren) non identificati, un pappagallo verde in volo in lontananza non identificato.



Attrezzatura fotografica

Per l’osservazione è stato usato un binocolo 8x25, non molto luminoso ma di alta qualità ottica e leggero. Per le fotografie è stata usata una macchina digitale HP850 Photosmart non propriamente adatta per lo scopo ma che, con il suo zoom 8x ottico, riesce a restituire foto i cui soggetti sono abbastanza dettagliati.



Bibliografia

Peterson, Roger Tory - Mexican Birds (Peterson Field Guide), pp. 298, 48 tavole a colori, Houghton Mifflin Press, 1973.

Edwards, Ernest Preston - A field guide to The Birds of Mexico and Adjacent Areas (Belize, Guatemala and El Salvador), pp. 210, 51 tavole a colori, University of Texas Press, 1998.